Orari dei negozi, Confesercenti: “Da Camera soluzione insoddisfacente, già chiusi 124mila negozi in tre anni”.

“La legge va cambiata, secondo un sondaggio Confesercenti-Swg il 59% degli italiani è d’accordo”

Secondo un sondaggio Confesercenti-Swg il 67% degli italiani ritiene che in soli due anni il proprio quartiere ha visto diminuire nettamente i negozi di vicinato. Molti degli intervistati hanno segnalato che i negozi di cui erano clienti abituali non ci sono più ed il 59% del campione da ragione a chi ritiene che la normativa della “liberalizzazione selvaggia” vada rivista. E’ uno dei dati che la Confesercenti ha illustrato nel corso della conferenza stampa tenuta alla Camera dei Deputati per ribadire la forte insoddisfazione nei confronti dell’approvazione del provvedimento sugli orari dei negozi che ora passa all’esame del Senato.

A presiedere i lavori  Massimo Vivoli, Vice Presidente Vicario di Confesercenti e Mauro Bussoni, Segretario Generale di Confesercenti. Fra gli ospiti , Giancarlo Maria Bregantini, Arcivescovo di Campobasso Boiano e Presidente Pastorale del Lavoro Cei, Rosario Trefiletti, Presidente Federconsumatori, l’onorevole Angelo Senaldi (Pd), relatore della legge di modifica della norma eGianluca Benamati e Marco Da Villa, rispettivamente capogruppo Pd e capogruppo M5S presso la commissione attività produttive della Camera, oltre a Lucio Tiozzo, presidente del Gruppo Pd del Consiglio regionale del Veneto.

Le ragioni di Confesercenti che chiede al Senato una modifica del provvedimento sono state illustrate da Massimo Vivoli Vice Presidente della Associazione: “fra crisi di consumi, mancanza di credito e liberalizzazione l’esito è stato devastante in questa lunga crisi con oltre 124 mila negozi chiusi e l’accelerazione della desertificazione dei centri urbani. Le vie commerciali delle nostre città, in alcuni casi icone turistiche di valore, presentano sempre più file di saracinesche abbassate. Inoltre gli effetti della liberalizzazione senza regole e la crisi hanno prodotto più di 100 mila posti di lavoro perduti solo fra il 2012 e il 2013”.

Vivoli ha ribadito che “vogliamo evitare il collasso delle oltre 470 mila imprese del commercio con due dipendenti o meno. Continueremo d insistere perché la legge sugli orari, ora al Senato, venga modificata in direzione di un maggiore equilibrio e sosterremo le regioni che hanno richiesto un referendum per la revisione della deregulation”. Vivoli ha poi annunciato anche una lettera aperta della Confesercenti al Presidente del Consiglio segnalando che anche in questo caso stanno prevalendo  le logiche dei poteri forti.

Mauro Bussoni , Segretario Generale di Confesercenti ha sostenuto che è falso affermare che ce lo chiede l’Europa e che la liberalizzazione si è rivelata inefficace sui consumi e sull’occupazione.  La stessa concorrenza ha subito distorsioni gravi a scapito delle piccole superfici: ormai il 74% del commercio alimentare è in mano alla gdo come il  59% del no-food. La riduzione delle vendite ha reso più drammatica la situazione dei piccoli esercizi che hanno perso il 7,8% ma la liberalizzazione non ha provocato benefici di sorta anche per la gdo che ha accusato una flessione del 2,2%. Bussoni ha poi sottolineato un altro dato drammatico: i negozi sfitti hanno superato la quota di 600 mila, centomila in più rispetto al 2012. Bussoni ha infine rilanciato una proposta di mediazione partendo dal testo originale del provvedimento di legge che prevedeva 12 chiusure obbligatorie durante l’anno. Una base di partenza congrua che andrebbe declinata con flessibilità introducendo la possibilità da parte dei Sindaci di modificarle  a seconda delle esigenze del territorio.

Nel corso dell’incontro hanno parlato i rappresentanti di associazioni dei consumatori che sostengono l’iniziativa. Rosario Trefiletti di Federconsumatori ha richiamato la necessità di una interlocuzione fra politica e corpi intermedi essenziale per definire modalità della vita economica e sociale  che riguardano il territorio. E’ anche giunto un messaggio del Presidente della Pastorale del lavoro Mons. Giancarlo Bregantini che ha ricordato le parole del Papa quando ha sostenuto che “la domenica va resa libera dal lavoro, eccettuati i servizi necessari, per affermare che la priorità non è a livello economico , ma all’umano, al gratuito, alle relazioni non commerciali ma familiari”, Bregantini si augura che si possa “incidere sui parlamentari con proposte ferme pur se progressive”.

In allegato il dossier presentato: DOSSIER LIBERALADOMENICA 2014-7

Share Button